E-reader, il migliore compagno di viaggio per la tua estate 2021

Finalmente, insieme ai primi caldi estivi, sono arrivate per molti le tanto desiderate vacanze. In qualsiasi modo le si trascorra, l’importante è trascorrere questo periodo in condizione di pieno relax, concedendosi momenti di svago, di avventura e anche di cultura.

E a proposito di cultura, quale momento migliore per dedicarci alla lettura dei libri che ci interessano di più e che abbiamo sempre voluto leggere se non l’estate? Durante questo periodo possiamo concederci momenti di concentrazione e mettere in pausa le preoccupazioni quotidiane, lo stress, gli impegni lavorativi e dedicarci a questa attività con calma e senza fretta. 

È quindi tutto pronto, i biglietti stampati e le valigie piene, così come gli zaini e pure la borsa. Ma allora dove far stare tutti gli ingombranti libri che vogliamo portare con noi e tra cui proprio non riusciamo a scegliere? La soluzione sono i dispositivi di lettura digitale, detti anche e-reader .

Questi dispositivi permettono di portare con sé tutti i libri che volete in un unico dispositivo dalle dimensioni ridotte, poco più di uno smartphone e corrispondenti più o meno a quelle di un libro tradizionale. Un altro vantaggio è il peso: l’e-reader è talmente leggero e maneggevole che una volta messo nella borsa o nello zaino, non ci si accorge nemmeno di averlo. 

Un altro grande vantaggio è l’illuminazione integrata. A tutti è capitato di ritrovarsi a leggere in condizioni di luci non ottimali e allungarsi alla ricerca di un raggio di sole per continuare la nostra attività. L’e-reader ci viene in aiuto con la retoilluminazione, regolabile nell’intensità, utile anche per non disturbare chi ci dorme vicino. 

Siete arrivati a un punto di svolta della trama e non potete rinunciare a leggere anche a bordo piscina o in spiaggia? Anche in questo caso, questi dispositivi sono la scelta migliore perché ormai la maggior parte di essi sono dotati di impermeabilità, così non dovrete preoccuparvi di schizzi o sgocciolamenti.

L’e-reader viene in aiuto anche a tutti coloro che hanno bisogno degli occhiali da lettura e che possono farne a meno grazie alla possibilità di regolare la risoluzione dello schermo. Tra le caratteristiche dell’e-reader questa è una delle più utili e non solo in viaggio. Quei minuscoli caratteri a cui diamo battaglia inforcando gli occhiali, diventano facilmente visibili personalizzandone la risoluzione, consentendoci di decifrare il testo con un semplice tocco delle dita. La risoluzione dello schermo si rivela altrettanto importante per la qualità della lettura. 

Avete deciso di acquistare un ereader ma non sapete quale scegliere? Non bisogna essere esperti per scegliere quello giusto per voi, basta invece conoscere alcune semplici caratteristiche tecniche che vi permetteranno di fare un acquisto adeguato alle vostre esigenze.

e-reader con tazza ti tè e pasticcino

Lo schermo

Il display degli ebook reader è basato sulla tecnologia E-ink (inchiostro digitale in scala di grigi) che permette un’esperienza di lettura molto vicina a quella della carta stampata, non affatica la vista e non soffre di riduzione della visibilità sotto i raggi del sole. La distinzione più grande che possiamo fare è quella tra la vecchia tecnologia E-Ink Pearl e la nuova E-Ink Carta, che è più recente e assicura un contrasto maggiore e quindi le pagine risulteranno più bianche e nitide. La tecnologia E-Ink Regal è un’altra caratteristica da valutare, che elimina l’effetto ghosting dopo i cambi di pagina (ovvero la permanenza di contenuti della pagina precedente).

Le dimensioni

La maggior parte degli ereader monta un display da 6″, che è la dimensione ideale per leggere i libri senza fatica e senza ingombri ma esistono anche dispositivi più grandi a seconda delle esigente di lettura. in qualsiasi caso, per valutare il livello di “nitidezza” dei contenuti visualizzati sullo schermo, controlla il numero dei pixel riprodotti su schermo e il numero di PPI (pixel per pollice) del display: più è alto questo valore e più nitidi risultano i contenuti da leggere.

L’illuminazione

Come detto in precedenza, gli e-reader sono dotati di illuminazione integrata, ma anche qui, non tutti sono uguali. L’illuminazione può essere ad un’unica tonalità o a più tonalità, dove per più tonalità si intende la possibilità di passare dalle tonalità più fredde (luce blu) a quelle più calde (luce gialla/rossa), queste ultime più indicate la sera per evitare di affaticare gli occhi. Gli ebook reader di fascia alta dispongono anche di un sensore di luminosità in grado di regolare automaticamente il livello di luminosità dello schermo in base alla luce dell’ambiente circostante.

Touch o non touch?

Un’altra scelta da considerare è quella del touch. Questo infatti, integrato in quasi tutti i dispositivi, può essere comodo per sottolineare e interagire direttamente con il testo ma può anche causare interazioni volontarie. 

Altre caratteristiche da tenere in considerazione nella scelta del nostro e-reader sono la memoria interna ed espandibilità per assicurarci di avere abbastanza spazio per i nostri libri digitali, la possibilità di connettersi o meno a internet per scaricare contenuti ovunque vogliamo o solo a casa e i formati di ebook supportati dal dispositivo. Infine, l’autonomia del dispositivo è generalmente molto elevata se confrontata con quella di smartphone o tablet e può durare anche diverse settimane, ma può essere influenzata dall’uso del dispositivo e delle sue funzionalità.

Oltre al famoso Kindle , prodotto di Amazon molto valido, ci sono tante altrettanto valide alternative sul mercato tra cui gli ottimi e-reader Kobo e i dispositivi Tolino dall’eccellente qualità-prezzo. 

E-reader e ambiente

La diffusione degli e-book si accompagna alla convinzione che questi comportino significativi vantaggi per l’ambiente. Effettivamente, scegliere un e-reader rappresenta una scelta eco-sostenibile sotto molti punti di vista. I danni ambientali provocati dalla produzione di carta sono ormai noti: anche ottenere carta riciclata, purtroppo, può essere piuttosto inquinante per via del processo di de-inchiostrazione. I dispositivi elettronici eliminano questo problema, ma per gli eReader bisogna invece concentrarsi sulla batteria e sullo schermo: la produzione di batterie ricaricabili e di componenti ha un impatto ambientale piuttosto alto. I dati emersi da uno studio condotto negli Stati Uniti indicano che i 178 kg di CO2 prodotti da un Kindle in tutto il suo ciclo di vita equivalgono all’incirca alla CO2 prodotta ed emessa per creare 22,5 libri cartacei. Quindi, in conclusione, un lettore “debole” che legge meno di 10 libri all’anno non influirà sull’impatto ambientale con la scelta del cartaceo o digitale. I divoratori di libri invece dovrebbero prendere in considerazione l’acquisto di un dispositivo elettronico per attuare una scelta sostenibile. 

Un libro elettronico con una borraccia su un prato